Giovedì, 23 Maggio 2019

Progetto1

Altro piccolo Comune, sotto la soglia dei mille abitanti, è Siamanna. La comunità ai piedi del Grighine vive situazioni di difficoltà soprattutto in ambito occupazionale. Al sindaco Franco Vellio Melas, riconfermato nel 2017, così come ad altri sindaci intervistati, abbiamo chiesto quali sono le attese nei confronti dei prossimi governatori regionali...

a cura di Mauro Dessì

Sindaco Melas, cosa si aspetta dall’istituzione Regione dopo il 24 febbraio?

Mi aspetto ciò che ci si dovrebbe aspettare da chiunque dia la sua disponibilità a candidarsi, ovvero impegno nel portare avanti quanto ci si prefigge. In particolare mi aspetto che ci possa essere sempre un giusto interesse anche per comunità piccole come le nostre. Chi è candidato, aldilà della parte politica che rappresenta, sia pronto ad ascoltare i bisogni delle realtà locali in egual misura per tutti, comprese le comunità più piccole.

Qual è l'ambito in cui voi, come ente locale, state concentrando l'attenzione? E qual è quello su cui dovrebbe  concentrarla la Regione?

Credo sia comune: l’occupazione. Abbiamo un patrimonio non indifferente che ci regala il nostro territorio, tra ambiente e archeologia. Ci sono attività storiche come quelle dell’agricoltura e l’allevamento che sono state il sostegno per la nostra economia. Occorrerebbe dare impulso a questi settori favorendo soprattutto quei giovani che hanno fantasia, idee e voglia di creare impresa. Purtroppo questi stessi giovani hanno poca fiducia a buttarsi in questa impresa solo per gli alti costi iniziali. Come istituzioni dovremmo essere tutti un po’ più vicini a chi, con coraggio e voglia, decide di restare per creare impresa.

Un’ultima domanda per chiudere questa rubrica dedicata a voi amministratori. Che augurio fare per queste ormai imminenti elezioni?

L’augurio più bello che posso fare è che a vincere sia il popolo. Senza nulla togliere alla destra, al centro, alla sinistra; mi auguro che il popolo si riavvicini alla politica. Le ultime percentuali della gente che va a votare sono decisamente calate a dimostrazione di un allontanamento e una mancanza di fiducia verso la politica. Mi auguro che queste percentuali salgano nuovamente: sarebbe già una bella vittoria per la vita politica della nostra Regione.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon