Lunedì, 16 Settembre 2019

Progetto1

 

Riola Sardo. Broccati che sfilano, spighe di grano avvolte in eleganti nastri rossi e uomini che sotto il sole di fine luglio si riuniscono per dare vita alla rievocazione storica della raccolta del grano...

di Silvia Rita Mocci

Sa Messa Arrioresa, così si chiama l’evento, si è tenuto a Riola Sardo lo scorso 28 e 29 luglio e ha riscosso un grande successo. “Ho potuto realizzare il mio progetto per la prima volta nel luglio del 2017 - afferma l’organizzatore Lorenzo Pinna - quest’anno, grazie alla collaborazione di tanti amici ho potuto confermare la seconda edizione”.
L’EVENTO. Si tratta della rievocazione storica della raccolta del grano a cui ha partecipato l’associazione Su Massaiu di Villaurbana. La mattina del 28, alle 6, i partecipanti si sono incontrati in via Roma indossando gli abiti tradizionali de su messadori. Le donne indossavano il costume caratteristico di Riola. I primi, attrezzati di falcetto, si sono occupati della raccolta manuale del grano; le seconde, che ricoprivano il ruolo delle antiche ispigadoras, hanno confezionato meravigliosi bouquet di spighe da donare ai loro cari come augurio di prosperità e fortuna.

messa arrioresa 2018web2

Caricati i covoni di grano (ma’igas in sardo) sui trattori, si è svolta la sfilata per le vie del paese suscitando grande curiosità e meraviglia. Domenica 29, alle ore 18, si è svolta invece la trebbiatura del grano utilizzando un’antica trebbia dei primi del Novecento gentilmente messa a disposizione dall’Associazione Su Massaiu di Villaurbana. A fare da cornice a questi gesti del passato, trattori di vecchia data esposti come cimeli e stand espositivi in cui è stato possibile ammirare gli strumenti utilizzati dalle massaie, in casa, per la farina.

messa arrioresa de faveri1

IL GRANO. Protagonista di una rievocazione storica non poteva che essere un grano antico, originale. Si tratta del grano Senatore Cappelli, padre di tutti i grani duri, così denominato nel 1915 dallo scienziato Nazareno Strampelli in onore del deputato del Regno d’Italia Raffaele Cappelli.

messa arrioresa de faveri3

IL PROGETTO. “La seconda edizione de Sa Messa Arrioresa - racconta Lorenzo Pinna - è stata collocata in un disegno più ampio in cui hanno partecipato attivamente i bambini e i ragazzi delle scuole di Riola. Ho presentato il mio progetto alle scuole, con la partecipazione di alcuni anziani del paese, di alcuni colleghi agricoltori e dell’associazione Insieme per Riola, lo scorso gennaio.

messa arrioresa de faveri5

Da qui, ha preso avvio la nostra collaborazione fino al giorno in cui gli alunni hanno partecipato alla semina del grano. Per loro è stata una festa - prosegue - “Dopo qualche mese ho concordato un altro incontro con le scuole affinché i bambini vedessero i frutti del loro lavoro. Erano quasi stupiti nel notare che quel grano seminato con le loro mani era diventato più alto di loro”.

messa arrioresa de faveri2

Il fine del progetto è quello di riuscire a reimpostare una coscienza alimentare sana nelle nuove generazioni, portandole a riscoprire il sapore vero del pane, quello buono e profumato che stava sulle tavole dei nostri nonni.
Sa Messa Arrioresa non è solo una semplice rievocazione, ma un vero e proprio ritorno alla terra e alle meraviglie che ci può offrire, riscoprendo valori che la precarietà di questo presente cronometrato ci sta facendo dimenticare, come la bellezza dell’attesa e l’importanza della condivisione di attimi di vita.

Photo credits: foto n. 3, 4, 5, 6 Francesco De Faveri

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon