Martedì, 23 Aprile 2019

Progetto1

29 gennaio. Un appuntamento annunciato per la redazione del nostro giornale dello Scientifico di Ghilarza, Volta Pagina: visita alla sede regionale Rai di Cagliari, nell'ambito dell’iniziativa Rai Porte Aperte...

Due turni: 16 alunni per volta… Noi i primi, l’altro gruppo il giorno dopo.

Tanta curiosità e tante aspettative ci animavano prima della partenza… Non mi sarei mai aspettata che nelle ore successive sarei diventata “giornalista” per un giorno! Dopo aver assistito alla riunione di redazione, conosciuto la Capo Redattrice Anna Piras e tutti gli altri giornalisti, ci siamo radunati nella Sala di Registrazione Radio. Lì, il tecnico che ci faceva da guida ci ha proposto una sorta di gioco che, inaspettatamente, ha coinvolto proprio me come protagonista: creare un servizio televisivo su un argomento che ci coinvolgesse in modo particolare.

studenti ghilarza rai3 6

Così, senza pensarci molto, abbiamo scelto: l'esame di maturità 2019. Il mio compito era quello di intervistare i miei compagni e la professoressa, chiedendo loro un parere sulle nuove modalità della prova. Non essendo una giornalista in carriera, ho compiuto numerosi errori: il più grave, dare le spalle alla telecamera!

All’inizio è stato molto difficile riuscire a sciogliermi e sentirmi a mio agio davanti al microfono; superata la timidezza iniziale, mi sono fatta coraggio e il risultato non è stato niente male: è venuto fuori un bel servizio!

Da questa bellissima esperienza ho appreso che la professione di giornalista televisiva è tutt'altro che facile, perché vieni coinvolto in modo diretto e vivi appieno le notizie, penso alle più drammatiche. Per di più, dietro ad un semplice servizio, c'è un lavoro impressionante, che noi abbiamo avuto modo di constatare grazie a questa iniziativa.

studenti ghilarza rai3 5

Bisogna ammettere, inoltre, che davanti ad una telecamera con milioni di telespettatori che ti ascoltano in diretta è inevitabile non provare ansia, che, però, il pubblico non percepisce, grazie alla grande professionalità dei giornalisti che a noi appaiono molto spontanei.

Io, ad esempio, che non sono una giornalista, ero terrorizzata dall'idea di sbagliare, di mangiarmi le parole, di muovermi troppo davanti alla telecamera. Ma è stata un'esperienza che ricordiamo con un sorriso: abbiamo riso davvero tanto… Gli altri a vedermi sbagliare ed io mettendomi in gioco!

studenti ghilarza rai3 8

D'altronde, anche i più grandi nomi del giornalismo finiscono su Striscia la Notizia per inevitabili gaffe ma, fortunatamente, il mio piccolo servizio non andrà in onda!

La parte più divertente è stata quella del montaggio: ho anche potuto registrare un pezzo come una vera speaker! Lì, riascoltandomi e guardando l'intero servizio, ho valorizzato il mio senso di autocritica e soprattutto ho ascoltato con attenzione le opinioni di un tecnico esperto.

Sono uscita dagli studi Rai con un bel bagaglio di nuova esperienza che, nel futuro, potrà senz'altro essermi utile. “Rai Porte Aperte”: chissà se un domani lo saranno davvero per qualcuno di noi!

Chiara Cao IV C Scientifico

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon