Mercoledì, 03 Giugno 2020

Progetto1

All'uscita da ogni tuffo profondo mi faccio il segno della croce. Prima della discesa era per chiedere, ora è per ringraziare

La foto e il commento sono stati pubblicati recentemente dallo sportivo Umberto Pelizzari nella sua pagina facebook*...

di Giulio Gaviano

Il segno della croce è un gesto praticato dai cristiani cattolici e ortodossi. I primi lo tracciano toccando con le dita la fronte, poi il petto, la spalla sinistra e la destra. Gli ortodossi toccano prima la spalla destra, in maniera speculare al sacerdote che benedice. I protestanti non usano farlo poiché non è insegnato nelle Scritture. Le prime testimonianze di questa pratica risalgono al II-III secolo. Scrive il teologo latino Tertulliano: Se ci mettiamo in cammino, se usciamo o entriamo, se ci vestiamo, se ci laviamo o andiamo a mensa, a letto, se ci poniamo a sedere, in queste e in tutte le nostre azioni ci segniamo la fronte col segno di croce.

Nella liturgia il segno della croce è il gesto più usato, dal battesimo alle esequie, inizia e conclude ogni forma di preghiera.

In Sardegna ci sono usanze particolari?

Ai tempi dei nostri nonni, quando si faceva il pane in casa, si usava segnare con una croce la farina, la pasta lievitata, il forno. C’è anche il detto: Chini no hat biu mai sa luxi in sa ‘ucca ‘e su forru si fait sa cruxi. Tuttora nella nostra isola si usa fare il segno di croce in occasione de sa gratziasa ‘ratzia ovvero il rituale di rompere i piatti pieni di grano, petali di rosa, monetine e caramelle all’uscita degli sposi dalla chiesa. Alcuni sostengono che si debba fare per tre volte.

su componidori benedizione soggettiva vescovo 1200

 A Oristano è curioso il caso di Su Componidori, che con sa pippia ‘e maju benedice il popolo presente alla Sartiglia e le persone rispondono facendosi il segno della croce. Ci sono altre occasioni in cui si fa questo gesto, a volte secondo una tradizione, altre per una scelta individuale. Sarebbe interessante sapere direttamente da voi lettori se nei vostri paesi o nella vostra esperienza personale ci sono momenti particolari in cui si fa il segno della croce.

*Umberto Pelizzari (Busto Arsizio, 28 agosto 1965) è un apneista, conduttore televisivo e accademico italiano. Ha stabilito record mondiali in tutte le discipline dell'apnea. Alto 189 cm per 84 kg di peso, possiede una capacità polmonare di 7,9 litri.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon