Mercoledì, 19 Settembre 2018

 

Sebastiano Bussu con i suoi 20 anni tondi tondi, è uno dei più giovani e promettenti pianisti della scena artistica oristanese.

a cura di Alessia Andreon

 

Ha iniziato i suoi studi musicali a otto anni frequentando un corso serale alle elementari e ricorda: restavo ore e ore al pianoforte affascinato dai suoni. Due anni più tardi il suo percorso prende forma quando inizia a frequentare il corso musicale della Scuola Media Grazia Deledda, con la professoressa Alessandra Medde, mostrando fin da subito una spiccata sensibilità tecnica e musicale.

Sebastiano Bussu6 crop

Una grande soddisfazione oltre ai vari concerti e concorsi fatti è stata aver conseguito il diploma superiore alla Schola Cantorum di Parigi nel 2017 col massimo dei voti all'unanimità della giuria, nella classe del M° Maurizio Moretti, con il quale studio anche al Conservatorio G.P. da Palestrina di Cagliari al triennio ordinamentale.

Quanto è difficile conciliare ore di studio al pianoforte con i vari impegni di un ragazzo di vent’anni?

Viene tutto abbastanza naturale, non è tanto difficile, oltre la musica e lo studio necessario comunque riesco ad avere una vita normale anche dal punto di vita sociale.

A questo proposito cosa consiglieresti a chi vuole intraprendere lo studio del pianoforte?

Sebastiano Bussu 4web

Penso sia importante avere tanta pazienza e costanza, assicurarsi di essere seguiti da un buon insegnante e saper accettare oltre ai successi anche gli insuccessi e i momenti di crisi, che di solito sono ancora più utili per migliorare, questo è quello che vedo dalla mia esperienza. Consiglio di non sentirsi mai inferiori a nessuno, perché anche chi raggiunge i grandi traguardi è passato per l'insuccesso ma non si è mai arreso e ha imparato dai suoi errori. Io stesso ho tanto da fare e da imparare e spero di riuscire a diventare un buon musicista

Il repertorio di Sebastiano spazia da Bach al novecento e comprende importanti opere come alcuni studi trascendentali e il secondo concerto per pianoforte e orchestra di Franz Liszt oltre ai principali lavori di compositori quali Mozart, Haydn, Beethoven, Schubert, Chopin, Grieg, Saint-Saëns, Ravel, Debussy, Franck, Granados, Prokofiev...

Quali sono le esperienze più belle, che ricordi con maggior affetto?

Una delle mie esperienze più belle è stata sicuramente aver vinto il mio primo premio assoluto nel 2009 al Concorso Nazionale di Città di Castello quando ero alle medie, e il mio primo Recital ad Oristano, a soli 15 anni, grazie all'Ente Concerti “Alba Pani Passino” con cui da anni ormai condivido un ottimo rapporto di stima e affetto.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon