Mercoledì, 23 Ottobre 2019

Progetto1

Torre Grande. Torna per la decima volta Open Water Challenge, la manifestazione di sport acquatici che attira nelle acque del golfo di Oristano i migliori atleti internazionali...

Giovedì 19 settembre, alcuni dei più forti supper europei, tra i quali Bruno Hasulyo (Campione del Mondo 2017) e Olivia Piana (Campionessa del Mondo 2018) metteranno la loro esperienza e le loro capacità al servizio degli appassionati di SUP, con l’organizzazione di Clinic di Stand Up Paddle all’interno dei quali sveleranno le tecniche di base di questa disciplina e il segreto dei loro successi.

I due giorni successivi è in programma una tappa dell’Euro Tour, massima competizione continentale di SUP Racing che ha scelto proprio l’Open Water Challenge come tappa italiana del 2019. La gara si svolgerà sullo storico percorso della Sinis SUP Marathon, la Long Distance di 14km che costeggia il sito archeologico di Tharros, anfiteatro naturale affacciato sul mare e delimitato dall’istmo di Capo San Marco.

In palio ci sono 1.500 € per i vincitori delle categorie maschile e femminile. Altri 1.500 € di montepremi in materiali offerti dagli sponsor verranno messi a disposizione di chi trionferà nelle altre prove previste nel weekend.

Sabato 21 sono previste infatti una Sprint Race e soprattutto un’inedita prova Crono Team Race aperta a Pro Rider ed amatori, che vedrà la realizzazione di un nuovo format di gara, entusiasmate e coinvolgente. Domenica 22 sarà invece la volta, oltre all’EuroTour, di una prova più breve, di 8 km con partenza da Tharros, aperta a tutti, adulti e ragazzi, e a tavole di ogni tipo, materiale e lunghezza.

A chiudere il primo weekend di gare della X edizione dell’Open Water Challenge sarà, nel pomeriggio di domenica, una spettacolare esibizione di Windfoil, il “windsurf volante”.

Dal 24 al 29 settembre l’Open Water Challenge ospiterà infatti il Formula KiteEuropean Championship.

L’atleta da battere sarà sicuramente il Campione del Mondo, il francese Nico Parlier, ma a dargli battaglia ci saranno anche il monegasco MaximeNocher ,vincitore della KiteFoil World Series nel 2018, senza dimenticare i leader del ranking mondiale come il russo Denis Taradin e la stella inglese Guy Bridge.

Entra a pieno titolo nella lotta all’oro anche lo sloveno Toni Vodisek. A soli 19 anni ha già vinto le prime due tappe della KiteFoil World Series, andata in scena a Gizzeria (Italia) e Weifang (Cina).

Grazie alla collaborazione con l’organizzazione del SardiniaGrand Slam,ultima prova della KiteFoil World Series, in programma a Cagliari dal 2 al 6 ottobre, l’Open Water Challenge sta assumendo sempre più un respiro internazionale.

È arrivato in queste settimane un grande supporto da parte di aziende ed enti. Tra questi ci sono l’Arst, che già da tempo sta promuovendo la manifestazione con una campagna di advertising sopra i propri mezzi, Tirrenia e Moby, le compagnie di traghetti che collegano la Sardegna all’Italia che riserveranno ai partecipanti all’OWC tariffe agevolate per incentivare l’arrivo di atleti dalle regioni della penisola.

Non mancheranno inoltre tante altre piccole attività parallele che da sempre contraddistinguono questa manifestazione: le serate in musica, il divertimento, il cinema e l’occasione per i ragazzi delle scuole della zona di incontrare i campioni di queste discipline.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon