Lunedì, 25 Marzo 2019

Progetto1

 

Alcuni giorni fa, a Laconi ha avuto luogo l’incontro Dialogo tra Uomini di Pietra, organizzato dall’Amministrazione comunale e dal Museo della Statuaria Preistorica della Sardegna, con il patrocinio della RAS. Abbiamo incontrato la sindaca Anna Paola Zaccheddu...

a cura di Fabio Murgia

Dott.ssa Zaccheddu, ci può parlare dell’iniziativa?

Dialogo tra Uomini di Pietra è un progetto che portiamo avanti dal 2017, e sarà una grande mostra allestita all’intero delle iniziative di Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Saranno esposte statue e stele Menhir di tutta Europa: sarà un’opportunità notevole e una vetrina importantissima per i Menhir della Sardegna e per il megalitismo come fenomeno mondiale. Vi aderiamo come Rete Sarda dei Musei e dei Luoghi delle Statue Menhir, di cui fanno parte Allai, Laconi, Nurallao, Ruinas, Samugheo, Villa Sant'Antonio. Andremo a Matera per rappresentare il megalitismo dell’intera Sardegna.

LACONI Foto Sindaco Matera e Sindaca Laconi a incontro Dialogo tra Uomini di Pietra web

Dunque i Menhir da Laconi a Matera. Quale scopo volete raggiungere partecipandovi?

Crediamo che portare avanti progetti partendo dalla nostra storia plurimillenaria, cultura e peculiarità rappresenti un’occasione di sviluppo, crescita e resistenza per le nostre comunità. Penso che con Matera siamo “terre sorelle” sia per la medesima cultura sviluppatasi nel Mediterraneo, sia per le stesse problematiche che attualmente affrontiamo. Entrambe siamo terre che vogliamo resistere ed esistere pensando di farlo con il nostro patrimonio culturale.

Nel 2016 e 2017 avete partecipato al Salone dell’Archeologia e del Turismo Culturale di Firenze. In che modo e tempi volete allargarvi al panorama europeo?

Con Matera 2019 si apriranno nuovi orizzonti, ottime occasioni e ulteriori opportunità. Per affacciarci stabilmente nel panorama europeo occorre consolidare l’adesione della Rete Sarda alla Rete Nazionale. In quest’ottica, il 23 giugno firmeremo il protocollo d’intesa a Laconi. Contemporaneamente ampliando la partecipazione alla Rete Sarda, considerando che il fenomeno del megalitismo nell’Isola interessa un’area che ha come vertici Allai, Mamoiada, Tortolì, Barisardo e Goni.

LACONI Menhir Piscina e Sali web

Avete in progetto nuove ricognizioni archeologiche nel territorio laconese?

È un obbiettivo nel lungo termine, ma si tratta di reperire fondi, che è sempre un annoso problema. Con nuove campagne di scavi si capirebbe meglio la nostra storia. Tuttavia nell’immediato non è realizzabile perché esporrebbe, secondo gli esperti, il territorio a fragilità se non riuscissimo a mettere completamente e subito i reperti in sicurezza. Allo stato attuale è bene valorizzare i reperti che già abbiamo, perché non tutti sono esposti. Il progetto, più fattibile, di un centro studi nei locali del vecchio museo permetterebbe di esporli tutti.

Il Museo della Statuaria Preistorica si sta affermando come importante realtà museale e attrattiva turistica. Può rappresentare nuove opportunità di lavoro, sviluppo e argine allo spopolamento che investe anche Laconi?

Senz’altro sì, potenziando e ampliando le relazioni del Museo e continuando con una promozione che valorizzi la cultura non che la sfrutti. Bisogna accrescere il respiro regionale, che è la sua caratteristica fondante, e creare nuove opportunità di lavoro. Il Museo quest’anno ha raggiunto il record di presenze tra aprile e maggio, superando quello del 2012. Vogliamo continuare nella valorizzazione, e speriamo di avere così un ampliamento delle professionalità.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon