Mercoledì, 23 Ottobre 2019

Progetto1

Il tumore alla prostata è una formazione di tessuto costituito da cellule che crescono in modo incontrollato e anomalo all’interno della ghiandola prostatica; è diventato il cancro più frequente nella popolazione maschile dei Paesi occidentali. In Italia circa il 3% dei maschi con più di 65 anni muore per questa malattia...

di Dr. Alessandro Cabiddu

Il tumore alla prostata è una formazione di tessuto costituito da cellule che crescono in modo incontrollato e anomalo all’interno della ghiandola prostatica; è diventato il cancro più frequente nella popolazione maschile dei Paesi occidentali (in Italia circa il 3% dei maschi con più di 65 anni muore per questa malattia). Di solito cresce molto lentamente e, per questo, la maggior parte delle persone affette sopravvivono al tumore e non sapendo di averlo mai avuto.

Quali sono le cause? Non sono ancora del tutto chiare, ma esistono alcuni fattori di rischio noti; un fattore di rischio è un qualcosa che aumenta la possibilità di sviluppare un disturbo o una malattia, ma la loro presenza non implica necessariamente la comparsa del problema. Essi sono: l’età superiore ai 50 anni (l’età media della diagnosi è 70); la familiarità (avere un padre o un fratello malati aumenta il rischio di 3 volte); l’alimentazione (associata ad alto consumo di carni grasse, rosse in particolare); l’obesità e la sedentarietà; sostanze chimiche (cadmio, fertilizzanti); fumo e alcool.
Ci sono anche fattori protettivi, in particolare l’assunzione regolare di ortaggi verdi, fagioli, pesce azzurro, olio d’oliva, arancia e frutta in generale, probabilmente correlata all’aumentata assunzione di vitamine e antiossidanti.

Quali sono i sintomi? Spesso non si manifesta attraverso sintomi precoci, mentre nelle fasi più avanzate possono essere causa di diversi disturbi della minzione, anche del tutto simili a quelli dell’iperplasia prostatica benigna, come difficoltà ad urinare, necessità di urinare spesso, dolore, disfunzione erettile, sangue nelle urine o nel liquido seminale (questi ultimi più frequenti nel tumore). Questo “ritardo” nella presentazione dei sintomi è dovuto al fatto che il tumore inizia, più di frequente, nella periferia della prostata (a differenza dell’iperplasia prostatica), dove non passa l’uretra; solo in seguito interesserà anche il centro della ghiandola, con la manifestazione dei disturbi.
Si possono avere, sempre in fase avanzata, sintomi più generici come perdita di appetito, calo di peso, stanchezza, e, qualora si associno sintomi come dolore alla schiena, ai fianchi, al torace o ad altre zone del corpo, si può avere a che fare con una metastasi.

Quali sono i rimedi? Variano in base all’età, alle patologie del paziente e all’estensione del tumore; infatti se il tumore è poco esteso e l’età del paziente è elevata si può decidere di non intervenire ed effettuare controlli periodici più frequenti. Se invece il tumore è in fase avanzata e il paziente è giovane si può intervenire con la terapia ormonale, la radioterapia e l’intervento chirurgico.

E’ importante fare una giusta prevenzione, non solo con l’alimentazione, ma anche attraverso un periodico controllo specialistico e, soprattutto, attraverso un periodico esame di screening, il PSA, ottenibile attraverso un semplice esame del sangue (da eseguire dopo i 50 anni, o prima in caso di familiarità). Questa è una sostanza prodotta dal tumore che, sebbene non specifica (in quanto prodotta dalla prostata anche in assenza di malattia o in malattie differenti) ci permette di approfondire ulteriormente un eventuale problema con la visita urologica, l’ecografia e la biopsia. Dal momento in cui i sintomi spesso non sono precoci il PSA può risultare il primo campanello d’allarme di un tumore la cui sopravvivenza, se scoperto in tempo, è molto elevata (in Italia un uomo su 8 sviluppa il tumore, ma la sopravvivenza è di oltre il 95%).

Immagini tratte da Wikipedia

                                                                                                                                                                             

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon