Venerdì, 24 Maggio 2019

Progetto1

Qualche anno fa impazzava la consuetudine tra amici di giocare al fantacalcio, forse lo si fa ancora...

di Michele Antonio Corona

A inizio stagione si acquistavano i giocatori “a prezzo di mercato”, si formava la propria squadra e si vivevano tutte le fasi del campionato sentendosi piccoli imprenditori e super intenditori nel mondo del pallone. In questi mesi, la stessa dinamica si sta verificando anche a livello di nomine episcopali e di vaticanerie. Molti si cimentano in analisi più o meno adeguate su chi sarà il successore di mons. Sanna alla guida della diocesi. C’è chi controlla l’agenda del vescovo per carpire qualche indizio e pronosticare la data dell’annuncio. Chi ipotizza scenari di un’attesa ancora lunga, supponendo molta attenzione dell’oltreTevere per la nostra diocesi. Chi azzarda addirittura nomi e cognomi, modificandoli irrimediabilmente di giorno in giorno. Altri, grazie a Dio, attendono in pace e serenità una notizia che deve arrivare a suo tempo. Tra questi ci sono coloro che non scalpitano per un nuovo incarico, coloro che sanno coscientemente che la Chiesa è del Signore, coloro che non vedono il loro destino personale legato a un nome o a un altro. Ma, come si dice scherzosamente, “il mondo è bello perché è avariato”. E allora? Continueremo ad assistere a scene di frenesia, di agitazione, di crepitio disordinato. L’ultima notizia è che il giovedì santo sarà a sorpresa il gran giorno. Credo abbiano ragione: sarà il gran giorno della Chiesa diocesana riunita intorno all’altare, il giorno in cui si attua il mistero della Chiesa raccolta attorno al Cristo, il giorno in cui inizia il grande triduo. Cari lettori, a tutti voi il nostro grazie per l’attenzione, la fedeltà e la partecipazione alla vita che raccontiamo e condividiamo. L’unica frenesia che vogliamo avere è farci sentire ancora vicini alle vostre vite. Buona Pasqua!

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon