Domenica, 23 Gennaio 2022

NORBELLO. Domenica 24 marzo 2019 alle 15,30, Mons. Ignazio Sanna  inaugurerà la Via Martyrum arborense...

Il percorso spirituale, culturale e ambientale ideato dall'Ufficio per la pastorale del Turismo, Tempo libero e Sport parte dalla chiesa di S. Maria di Norgillo, nel Guilcer, patria di Giovanni Soggiu (1883-1930), ucciso in Cina durante la sua missione evangelizzatrice. Da Norbello, a piedi, si arriva alla chiesa di San Palmerio di Ghilarza, intitolata al soldato romano che morì nel III-IV sec. per aver abbracciato la fede cristiana. Da qui è consigliabile proseguire in auto per San Lussorio, a 2km da Fordongianus, chiesa romanica eretta nel luogo di sepoltura del soldato Lussorio, convertitosi a Cristo dopo la lettura del salmo 85. Nella cripta vennero rinvenute nel 1615 le reliquie del martire Archelao, patrono di Oristano e dell’Arcidiocesi Arborense. Dall'antica Forum Traiani ci si sposta a Santa Giusta, nella basilica che custodisce le reliquie della martire eponima e delle altre due vergini, Giustina ed Enedina, che trovarono la morte tra il III e IV secolo a causa della loro fede. Infine, si giunge alla Cattedrale di Oristano, che oggi custodisce le reliquie del santo patrono.

 Via Martyrum spazi web crop

La Via Martyrum è lunga 51.8 km, di cui 4 di cammino lento, lungo la vallata di Chenale, da Norbello a Ghilarza; i restanti km si consiglia di percorrerli in auto. 

È una vera  immersione nel creato, un'occasione per riflettere su possibili nuovi stili di vita per la custodia e la cura della Madre Terra, come invita Papa Francesco nell'enciclica Laudato Si’.

Il programma:  è prevista ad ogni tappa una sosta di 20 minuti sul sagrato delle cinque chiese romaniche per un breve saluto dell’Arcivescovo e del primo cittadino di ogni comune toccato dalla Via Martyrum. All’inizio del percorso, Mons. Ignazio Sanna riceverà dal Delegato per la Pastorale del Turismo, Tempo Libero e Sport, la credenziale numero zero, su cui sarà apposto, per ogni tappa, il timbro che attesta il passaggio. Seguirà una presentazione da parte di don Ignazio Serra sulla genesi e gli intenti della Via Martyrum, la lettura di alcune note storiche e informative relative ai martiri. Ad ogni tappa sarà consegnata l’immagine del martire che riporta l’Inno del Pellegrino Signore della storia, composto dall’Arcivescovo e musicato dal M° Maria Chiara Piras di Norbello, che verrà eseguito in un momento di preghiera.

Via Martyrum programma mediogrande

 

Visualizza la brochure con il percorso della Via Martyrum cliccando sull'immagine

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon