Mercoledì, 03 Marzo 2021
News

Il Museo Diocesano Arborense, dopo due mesi di chiusura, ha riaperto, venerdi 12 febbraio, le sue sale inaugurando la mostra Oristano al centro dell’Europa. L’attacco francese del 1637.

Il museo ospita i quattro stendardi monumentali provenienti dalla controfacciata della Cattedrale di Santa Maria Assunta, interessata dai restauri. Viene offerta al visitatore la possibilità di ammirarli a una distanza ravvicinata, data la loro originaria collocazione a circa dieci metri di altezza, e di conoscere una pagina della città di Oristano ricca di fascino e storia. Una testimonianza materiale dell’attacco francese alla città nel febbraio 1637, che racconta Oristano nell’ambito della Guerra dei Trent’anni.

Il 21 febbraio del 1637 una squadra della flotta francese comandata da Enrico di Lorena, conte di Harcourt, entra nel golfo di Oristano e bombarda la torre del porto costringendo alla fuga la piccola guarnigione. Migliaia di Francesi con alcuni cannoni risalirono il Tirso e raggiunsero Oristano da cui tutti gli abitanti, allarmati dalle cannonate, erano sfollati col loro Arcivescovo a Santa Giusta. Per gli invasori fu facile darsi al saccheggio. La reazione sardo-spagnola avvenne dopo alcuni giorni. Il Viceré de Urrea mobilitò almeno 2.000 fanti e 4.000 cavalieri, comandati da Diego de Aragall, che respinse gli occupanti che si ritirarono. Le perdite francesi si contarono in 700 caduti, 36 prigionieri, 7 pezzi d’artiglieria, 700 moschetti, 11 barche, parte del bottino, e soprattutto svariati stendardi del Conte d’Harcourt. Era il 26 febbraio.

La mostra sarà visitabile venerdì 12 febbraio dalle 17 alle 20, ed eccezionalmente lunedì 15 febbraio dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

Fino a nuove diposizioni ministeriali sulle aperture museali, il museo sarà visitabile il martedì dalle 10 alle 13, il mercoledì e il giovedì dalle 17 alle 20 e il venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20. L’ingresso sarà gratuito per tutto il mese di febbraio.

 

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon