Martedì, 09 Agosto 2022

Come abbiamo specificato più volte, i social portano con se luci e ombre. Un articolo pubblicato da Play Mind, Centro di servizi psicologici e di benessere alla persona, diretto dal dott. Paolo Di Marco, pone l'attenzione sul tema della depressione legato ai Social Network.

di Marta Gallon

Essere socialmente collegati agli altri può alleviare lo stress, l’ansia e la depressione, aumentare l’autostima, fornire conforto e gioia, prevenire la solitudine. Molti di noi si affidano a piattaforme sul web come Facebook, Twitter, Snapchat, Youtube e Instagram per trovare e sperimentare nuove connessioni.

Dato per scontato che ognuno di questi social ha le sue caratteristiche positive, è importante però ricordare quanto i social media non potranno mai sostituire quel collegamento umano del mondo reale. Una relazione tra persone richiede il contatto con gli altri perché si inneschino gli ormoni che alleviano lo stress e che ti fanno sentire più felice, più sano e più positivo. Paradossalmente, una tecnologia progettata per avvicinare le persone tramite appunto piattaforme social, se utilizzata per troppo tempo, può in realtà farti sentire più solo e isolato, e attivare problemi di salute mentale come ansia e depressione.

Numerosi studi hanno trovato un forte legame tra i social media e un alto rischio di depressione, ansia, solitudine, autolesionismo e, nella peggiore delle ipotesi, anche pensieri suicidi. Se sospetti che la tua salute mentale soffra a causa del tempo trascorso online, puoi seguire alcuni di questi suggerimenti: scollegati per un certo periodo di tempo; imposta limiti di tempo sul tuo telefono per i siti di social media; elimina i tuoi account sui social media per un determinato periodo di tempo, sfida un amico a staccare la spina con te ed essere supporto reciproco! Come l'utilizzo di tutte le cose, anche quelle dei social network vanno sempre ponderate.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon