Mercoledì, 22 Agosto 2018

Attorniata da parenti e compaesani, tia Paolina Concas, di Gadoni, trasforma in realtà un secolo di vita. Quel che si augura a chi compie gli anni, è sempre di arrivare ai cento anni e lei, con la stessa disinvoltura con cui varca la soglia di casa per raggiungere quanti sono arrivati per festeggiare, conta i suoi anni, uno per uno, rendendoli un motivo per ringraziare.

Di Veronica Moi

Durante la Santa Messa, tia Paolina interagisce con don Pedro, che ha preparato un’omelia in sardo, ricordando il suo lavoro nella miniera di Funtana Raminosa, in cui era addetta alla cernita del minerale, e successivamente il suo ruolo di mamma, nonna e bisnonna. Tante fatiche e affanni, che tuttavia, non hanno mai spento il sorriso, il segreto dei suoi cento anni.

Ai nipoti non risparmia baci e abbracci, non rifiuta un buon bicchiere di vino e neppure i selfie!

Commossa, ringrazia il sindaco Francesco Peddio, per il conferimento di una dedica da parte dell’amministrazione comunale e dell’intera comunità, e con grande disinvoltura, indossa per un giorno la fascia tricolore.

IMG 20180611 185302

«Gli anziani ci ricordano quanto è importante la responsabilità di migliorare il paese e questa occasione è un esempio della capacità dei nostri piccoli centri di gioire gli uni per gli altri – afferma Peddio -.  Tia Paolina ci insegna che dovremmo ricordarlo ogni giorno».

 

 

La poesia del figlio Otello:

Contat unu seculu de vida

cun tegus bene o male ch’est passadu

e donzi pestilenza has superadu

cun passienzia su male has suportadu

non siat sa tua dispedida.

 

Deo ti bido cun sos pilos canos

Ses arrivada a sos chentu beranos.

 

Don Pedro sa Missa hat celebradu

sa zente in sa piazza riunida

a tie tantu amore ti hat mustradu

mancare inferma resta ancora ischida

ca tenes su viaggiu rinviadu

restas ancora in gara in sa partida.

 

Mamma non ti reges pius rea

Ca portas sa carena tremulea.

 

Tue sias cuntenta de su passadu

tue sias cuntenta de su presente

pro tottu su tempus chi ti hat dadu

isperanzosa in tempus benente

sas cosas chi ti passana in sa mente

sun cosas chi as abandondadu.

 

O mamma tue sa vida l’has fata

De custu inde sias soddisfatta.

 

Non deves pensare a sa ezesa

possides tanta forza e tantu briu

restet sa viama sempre acesa

o mamma custu est su desizu miu.

A sa salida l’has dadu s’aviu

como ses pigandu sa discesa.

 

Deo ti fazzo s’augurios mannos

pro poder festegiare ateros annos.

 

Mamma custos ultimos gradinos

tue los fetas cun serenidade

ses arribada a una bella edade

chi tanta zente non sun arrividos,

non tenes pius sa facoltade

de cuddos sognos chi sun finidos.

 

Has ragiuntu custu traguardu

e sa morte arribet su prus tardu.

 

Su regalu l’azis fatu a mie,

ringraziu amigos e parentes

augurandu a totus sos presentes

festegiene chent’annos che a tie.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon