Domenica, 17 Ottobre 2021

Il servizio musicale digitale Spotify, lanciato nel 2008, consente a milioni di utenti di ascoltare i brani musicali preferiti sui propri dispositivi. Spotify è infatti disponibile, tramite applicazione, sui dispositivi mobili, sulle Smart TV, nelle consolle di gioco e addirittura in auto.

di Cristina Zou

Utilizzarlo è molto semplice: basterà entrare nel sito o nell’App e creare un account con i propri dati personali (e-mail, password, data di nascita) oppure accedere tramite un account a scelta tra quelli creati per l’utilizzo dei social.

Spotify presenta ai nuovi iscritti due versioni: una completamente gratuita (ma dalle funzioni limitate) e l’altra a pagamento, attraverso un abbonamento mensile. La prima offre l’ascolto e la ricerca di qualsiasi brano disponibile: si possono salvare i propri brani preferiti facendo click sul cuoricino che apparirà a fianco al titolo della canzone che si sta ascoltando, oppure creare le personali Playlist (letteralmente elenco di riproduzione, una raccolta di canzoni che permette di gestire più rapidamente la ricerca e l’esecuzione).

Ancora, è possibile iniziare a seguire i cantanti preferiti e salvare interi album musicali o Playlist già pronte. Questa versione, però, presenta limitazioni: si hanno a disposizione solo sei skip, ovvero si può andare avanti e ascoltare una nuova canzone solo per un numero limitato di volte. La sua versione a pagamento, invece, propone diversi piani tariffari, a partire da quello per gli studenti, passando da quello per le coppie, fino a quello per le famiglie. Attraverso il pagamento di un canone mensile si può usufruire di tutte le funzioni proposte da Spotify, senza alcun limite. Spotify offre, comunque, un mese di prova gratuito a qualsiasi utente: ognuno potrà poi decidere se pagare e mantenere così la versione Premium oppure passare alla versione gratuita. La sua prima pagina presenta quattro funzioni principali: Home, Cerca, Libreria e Premium (quest’ultima apparirà soltanto a coloro che utilizzano Spotify nella sua versione gratuita).

Nella Home è possibile trovare diverse sezioni: le prime sono scelte da Spotify stesso, che suggerisce Playlist o brani che potrebbero piacere sulla base delle personali ricerche più recenti. Un’altra sezione mostra le ultime novità caricate sulla piattaforma a seconda degli artisti del momento. Ancora, vengono proposti diversi generi musicali o raccolte da ascoltare durante i momenti specifici della giornata o a seconda del nostro umore, come per esempio sotto la doccia, mentre ci si rilassa o mentre si fa attività fisica. Nella sezione Cerca, appariranno gli ultimi brani cercati insieme ai generi musicali preferiti, alle stazioni radio più ascoltate, alle classifiche, ecc. Attraverso la barra posta in alto è possibile cercare gli artisti o gli album che più piacciono. Infine, facendo click in basso a destra su La tua libreria, si aprirà il proprio profilo personale.

La sezione è divisa tra Playlist (quelle salvate o personalmente create), Artisti (quelli che si è deciso di seguire) e Album, che sono stati scaricati e aggiunti ai personali interessi. Format che stanno spopolando nell’ultimo periodo sono i Podcast, cioè registrazioni audio, solitamente suddivise per episodi, che trattano i più svariati argomenti come, per esempio, i viaggi, la storia, l’intrattenimento, i consigli sulla maternità, le ultime notizie e tanto altro ancora.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon