Domenica, 17 Ottobre 2021

Veliamoci nasce nel 2015 da cinque istruttori della Federazione Italiana Vela con un obiettivo principale: la vela per tutti.

di Francesca Pisano

I fondatori, oltre che istruttori, sono molto amici tra loro e sono sostenuti da diversi soci: tutti collaborano, in maniera determinante, nella gestione dell’associazione. Inizialmente Veliamoci possedeva solo due barchette ma col tempo, attraverso l’amore e la passione degli associati, è riuscita a essere un centro di vela molto grande e ben attrezzato.

28 17 01 Associazione Veliamoci Oristano 5La presidentessa dell’associazione, Cristina Maria Atzori, affiancata nella gestione tecnica dal direttore sportivo Paolo Marchesi ci racconta che si voleva che la vela, come sport, o anche semplicemente per diletto, potesse arrivare a quante più persone possibili, in particolare alle persone in difficoltà. Per questo motivo Veliamoci non solo nasce dalla voglia di condividere una passione, un modo di vivere, un atteggiamento mentale, ma accoglie anche persone sia con difficoltà di tipo sociale che con disabilità fisica e intellettiva.

Inizialmente l’associazione collaborava con Capo Camp Multisport a Sa Rocca Tunda e poi con il camping Spinnaker: Oggi ha una attività autonoma, con una sede principale e definitiva che si trova in via Bottego, nell’ex colonia di Torregrande.

Cristina Maria Atzori condivide che il sogno è andato avanti grazie a una persona che, credendo evidentemente molto in questo gruppo, quattro anni fa è diventato un donatore anonimo e ha permesso di acquistare molte attrezzature, come 4 barchette per i bambini, due barche accessibili, un simulatore dinamico sailingmaker del quale siamo gli unici a utilizzare in Sardegna, un furgone e un gommone. L’associazione svolge diverse attività come la scuola vela per tutti, bambini e adulti; attività promozionale con l’obiettivo di formare i ragazzi per poter partecipare alle competizioni sportive. Nonostante il Covid le attività non si sono mai fermate e durante il lockdown si è lavorato sempre per far allenare i ragazzi in totale sicurezza e nel rispetto dei protocolli indicati dalla Federazione Italiana Vela a cui l’associazione è affiliata.

28 17 01 Associazione Veliamoci Oristano 3I ragazzi hanno continuato ad allenarsi e impegnarsi iniziando una stagione molto importante nonostante la situazione pandemica. Attualmente sono presenti 4 squadre agonistiche. L’o’pen skiff è la squadra dei bambini. Proprio i più piccoli sono rientrati, da qualche giorno, dai campionati mondiali che si sono svolti a Calasetta, in Sardegna. Erano presenti con dieci barche e hanno vissuto una bellissima esperienza. Gli stessi bambini parteciperanno, i primi di settembre, al campionato italiano giovanile a Cagliari.

Poi c’è la squadra della RS AREO, tra i cui componenti ci sono anche Francesca Ramazzotti, presenza fondamentale dell’associazione e che sta partecipando a tutto il circuito nazionale portandosi a casa numerose vittorie, e Benedetta Sechi: insieme hanno partecipato, il 29 Luglio, al campionato europeo a Malcesine di categoria. Con loro, in gara, anche la squadra della Vela Navale Sulcis, squadra tra le più importanti della categoria RS AREO in Sardegna.

La squadra parasailing, che utilizza la barca Hansa 303, presente al porticciolo di Torregrande, permette a ragazzi con difficoltà motorie importanti, parliamo anche di ragazzi tetraplegici o paralizzata dal busto in giù, di andare per mare. Permettendo loro di farlo non solo per il semplice piacere di navigare ma anche in maniera agonistica. In queste barche si può navigare in singolo o in doppio.

La presidentessa ci racconta: Siamo di rientro dal campionato hansa di Porto San Giorgio, nelle Marche, dove Francesca Ramazzotti ha partecipato con Debora Sanna vincendo il campionato nazionale. Ho partecipato anche io, in coppia con Chiara Capriotti e siamo arrivate al terzo posto. In più, un nostro atleta, con difficoltà importanti, ha partecipato in singolo, per la prima volta da solo, riuscendo a conquistare un decimo posto. Aveva già partecipato due anni fa al campionato europeo, insieme al suo istruttore. La squadra parasailing, inoltre, parteciperà a metà settembre, dopo la vittoria a Porto San Giorgio, al CICO (Campionato Italiano Classe Olimpica) sul lago di Garda, per poi andare a Palermo dove si terrà il campionato del mondo.

Quest’anno c’è stata un’attività intensissima e i risultati hanno collocato Veliamoci tra le società sportive più forti a livello italiano nonostante sia stato un anno difficile per gli allenamenti.

Tra le attività promosse dall’associazione anche il progetto, organizzato a livello nazionale, denominato scuola vela. Grazie a questo progetto l’associazione ha svolto attività, ogni settimana, con 80 ragazzi di varie scuole tra cui quelle di Piacenza e Bologna. Il Covid ha bloccato questi progetti, ma non la voglia di ripartire di tutti.

La Presidentessa così conclude il nostro incontro: L’anno scorso, appena usciti dal primo lockdown, avevamo tantissimi bambini. Adesso quel gruppo è composto in maggioranza dai ragazzi che l’anno prima avevano partecipato al nostro progetto di Vela Camp. È stato durissimo riprendere le attività ma lo staff tecnico, carico di grande voglia di fare, non si è più fermato riuscendo a ottenere ottimi risultati come quelli recentemente conquistati.

Pin It

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon