Domenica, 11 Aprile 2021

Non solo agrumi, ma mostre, visite guidate nel territorio, musica, sbandieratori, artisti e artigiani in questa 23ma edizione, sabato 16 e domenica 17 febbraio...

Persino gli alunni della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria vengono coinvolti nella lavorazione dei dolci agli agrumi. Sabato serata danzante con l'organetto di Alessandro Nonnis, Francesco Virde e Maria Antonietta Bosu, la fisarmonica di Giansilvio Pinna e Gianni Ore, sa trunfa di Gabriele Straullu e la voce di Fabiu Puddu. La domenica, dopo la messa, il parroco don Fabio Ladu benedice la sagra, che inizia con lo spettacolo dei tamburini, sbandieratori, figuranti e armigeri dell'associazione Quartiere Castello di Iglesias. Per pranzo distribuzione di piatti a base di legumi: fave, ceci, fagioli con cotiche cucinati secondo la tradizione locale dalle socie della Pro Loco; piatti a base di ravioli di ricotta, agnello in umido con carciofi, pane vino, acqua, frutta e dolce. Ospiti  il gruppo maschere tradizionali della Sardegna S'ainu orriadore in collaborazione con la Pro Loco di Scano Montiferru; esibizione dei gruppi folk e minifolk di Macomer.

Nei locali dell’ex municipio si può visitare la mostra Le origini dell‘agrumicultura nell'Oristanese a cura di Giuseppe Maisola e Rita Valentina Erdas.

La serata si concluderà con lo spettacolo Sardegna in festa, varietà musicale condotto da Giuliano Marongiu con la partecipazione di Maria Giovanna Cherchi, Laura Spano, Lucia Budroni, il gruppo Incantos, Roberto Tangianu, Giansilvio Pinna, Peppino Bande.

Pin It

Leggi anche

Iscriviti al nostro canale youtube

Guarda i nostri video dalla diocesi

YouTube icon